Forum dei giovani, Lacorazza: servono più risorse e una sede

Gianni Lacorazza
Total
0
Shares

Il consigliere regionale del Pd ha chiesto al presidente Santarsiero di individuare una stanza, almeno temporaneamente, tra quelle che i gruppi consiliari non utilizzano

“A distanza di 18 anni andrebbe fatto un tagliando della legge regionale 11/2000 ‘Riconoscimento e promozione del ruolo delle giovani generazioni nella società regionale’ per capire insieme al forum regionale e comunali cosa va migliorato, preservato e cambiato. Questo tema sarà oggetto della prossima legislatura”.

E’ quanto afferma il consigliere regionale del Pd, Piero Lacorazza che aggiunge: “In ogni caso per i prossimi anni, già a partire dal redigendo bilancio 2019, servono più risorse rispetto a quelle stanziate nel 2018 e soprattutto una sede. Anche se siamo di fronte ad ormai prossime elezioni regionali, a seguito della sentenza del Tar di Basilicata di ieri, ho chiesto al presidente Santarsiero di individuare una stanza, almeno temporaneamente, tra quelle che i gruppi consiliari non utilizzano, per dare una sede al forum regionale”.

“Nei giorni scorsi – continua – ho sottoscritto l’appello promosso da Generazione lucana ed in particolare sostengo l’idea della Zeg (Zona economica giovanile). A poche settimane dalle elezioni regionali è necessario mettere al centro del dibattito le politiche giovanili; se ne valuterà la credibilità e la fattibilità delle proposte in campo”.

“Sento di dover continuare questo impegno iniziato, non ora, ma dal lontano 2000 – dice Lacorazza – essendo stato tra i principali promotori della legge regionale 11/2000, avendo sperimentato azioni concrete (Erasmus o scuole) e avendo promosso e sostenuto leggi di riforma importati in Regione (legge sul diritto alla studio dopo 40 anni e legge per la istituzione del servizio civile regionale)”.

“Nella consapevolezza che la principale infrastruttura per i giovani è il lavoro – conclude – vorrei sottolineare come la legge regionale 11/2000 è principalmente uno strumento per la partecipazione e la promozione delle politiche per le nuove generazioni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sette + 6 =

You May Also Like