Sanità. Lacorazza: sbloccare il turn over ed incentivare il personale nelle aree ‘periferiche’. 

Gianni Lacorazza
Total
0
Shares

Siamo agli sgoccioli del tempo utile per presentare emendamenti alle legge di stabilità. Serve una norma per sbloccare il turn over in Basilicata che corre il rischio di vedere bloccati circa 13,5 ml di euro per sostituire personale in pensione.

La riduzione delle spesa del personale al 2020 dell’1,4% rispetto alla spesa del 2004 è una penalizzazione senza precedenti per via di contingenze particolarmente positive: la scelta di mantenere in capo al sistema pubblico l’emergenza-urgenza 118 contabilizzato per solo sei mesi nel 2004 (anno di partenza) e il riconoscimento dell’IRCSS al CROB di Rionero che ha portato ad inevitabili nuove assunzioni.

Leggo di norme nazionali inserite nella legge di stabilità per abbattere le liste di attesa. In verità grazie ad alcune mie proposte di legge è stato da qualche settimana istituito in Basilicata l’Osservatorio per ridurre i tempi di attesa per le prestazioni sanitarie e sarà necessario regolarle l’offerta nel pubblico, intramoenia e in convenzione.

Non si possono scaricare sui cittadini i costi per i tempi lunghi per le prestazioni sanitarie provocando il larga parte della popolazione il ritardo e la rinuncia alla cura poiché non sono sostenibili i costi.

È anche vero che la sanità necessità di più personale: quindi è necessario sbloccare il turn over e rendere più ‘appetibili’ le aree interne o le sedi ‘periferiche’.

Nessuna da qui a qualche mese dica che non sapeva poiché ci sono state iniziative in Consiglio Regionale e tutti i parlamentari sono a conoscenza della questione.

Questa mia dichiarazione è un ultimo appello affinché si adottino provvedimenti tesi ad evitare che anche quando si ha la possibilità non puoi assumere.

Certo ci sono anche altre questioni (es. disponibilità di medici, qualità delle prestazioni, etc) da  non sottovalutare ma è necessario sapere che con il blocco del turn over al 2020 potremmo avere circa 350 operatori sanitari in meno.

È necessario, quindi, intervenire nelle prossime ore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × 1 =

You May Also Like