Incontro Gruppo Pd Regione Basilicata. Lacorazza su petrolio e transizione energetica.

Gianni Lacorazza
Total
0
Shares

Il mio contributo di idee e proposte nel confronto tra Pd e sindacati.
Nel precedente incontro con i sindaci del Pd avevo già sottolineato…
1. Delegazione Pd incontri le parti sociali. (Avvenuta ieri)
2. Prima o dopo del consiglio regionale (oggi) che discuterà di provvedimenti sul petrolio si faccia un conferenza stampa di una delegazione PD per illustrare un documento aperto.
3. Spingere per un incontro regione-governo; c’è una maggioranza con Lega e F.I a sostegno di Draghi. Bardi non può limitarsi a scrivere le letterine al governo e dire come ha fatto fino a oggi che è colpa del centrosinistra.
Le questioni aperte.
a. Concessione ENI a tempo, dal 2030 deve partire la riconversione industriale ma oggi deve iniziare la discussione.
b. La mia opinione è che il punto precedente deve incrociare anche il NEXT GENERATION EU sulla transizione ecologica. Deve diventare un grande fatto nazionale, come ILVA.
Innanzitutto ambiente e salute. Non devo aggiungere molto altro rispetto a quanto detto e fatto. “Il miglior attacco è la difesa” (People, 2019)
Nel Merito.
Le risorse disponibili
1. Art. 36 quota IRES
2. Valore equivalente GAS (accordo Total).
3. Con Total nuove risorse arrivano ulteriori royalties.
4. Compensazioni ambientali
5…..
Aggiungo che nel bilancio regionale deve essere chiaro dove vanno i soldi delle royalties, anche la parte (55%) che incassa la Regione. E soprattutto è necessario prepararsi ad un bilancio libero da condizionamenti finanziari.
Massima trasparenza
Da un conto non preciso ma indicativo ballano 3/400 ml per prossimi 10 anni e una metà per dieci successivi fino al 2040, scadenza concessione Total.
Non c’è un problema di risorse ma di idee. Si combatte sulle norme e non sui progetti.
Dove mettere le risorse.
Quota territoriale
1 Sull’area di concessione (la legge indica il 30% delle royalties) finanziare per due anni progetti di qualità e di immediata contierabilità. Non solo risorse per per investimenti.
In questi due anni scrivere il nuovo P.O. Val d’Agri.. partendo da uno strumento di pianificazione intercomunale (già avviato ma sospeso). È necessario, oggi, pensare alla riconversione industriale.
Quota regionale.
1. Risorse Enti Locali, attivare il FUAL, accompagnato da un vero piano industriale della P.A. per riorganizzare, sburocratizzare, realizzare gli open data. Compreso un negoziazione di più personale da assumere a tempo indedeterminato per la specificità della presenza del petrolio.
Modalità differente dei concorsi.
La riforma della P.A., peraltro, è presupposto del Next Generation EU. Noi possiamo prepararci: si riforma mettendo risorse, investendo nella P.A.
Il Fondo Unico per le Autonomie locali può essere lo strumento per dare risposte a tutti graduando la distribuzione anche con il principio della prossimità alla attività estrattiva.
3. Costruire un programma su infrastrutture materiali ed immateriali, anche di immediata canteriabilità, spinta nell’edilizia.
Investimenti scuola, università, sanità e mobilità sostenibile
3. Proviamo a ragionare sul binario del NEXT GENERATION, chiediamo che ci sia premialità per coloro che mettono qualità e risorse (ne abbiamo). Anche per agganciare il P.O. 2021 2027.
Serve un NEXT GENERATION BASILICATA 2030
Magari da agganciare al piano strategico regionale, previsto dallo Statuto e sul quale il Governo Bardi è in ritardo da due anni.
Forse sono stato lungo ma per me la politica è partecipazione. Una riunione su un tema cosi delicato, merita da parte mia questa informativa.
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sedici − 8 =

You May Also Like