Amministrative a Melfi. Italia Viva si schiera a destra: perchè il silenzio del Pd?

Gianni Lacorazza
Total
0
Shares
Toc toc, ci sei Pd?
Non parla nessuno?
A #Melfi per le elezioni amministrative Italia Viva si schiera a destra. E non si dice nulla, il Pd – i vertici politici ed istituzionali – è in silenzio.
O stanno a lutto?
Magari qualcuno (ai vertici politici ed istituzionali) proverà a nascondere le proprie responsabilità di un disastro che continua tirando fuori qualche simpatica teoria: tutti sono responsabili di questa situazione e in particolare Lacorazza e i suoi amici che non votarono Mario Polese segretario regionale
😂😂😂🤣 Non ridete, qualcuno può arrivare anche a questa dichiarazione, da ricovero!!!
Chi è Mario Polese?
Oggi consigliere regionale di Italia Viva e poco tempo fa segretario regionale del Pd di Basilicata eletto con primarie aperte a cui parteciparono 55.000 votanti. Peccato che dopo pochi mesi i voti alle elezioni politiche per il Pd sono stati circa 50.000.
Esatto alle elezioni politiche il Pd ha preso 5.000 voti in meno dei votanti alle primarie, oltre ad essere stato il peggior risultato nella storia del centrosinistra lucano. Poi la sconfitta alle elezioni regionali e nelle città di Potenza e Matera.
Ma il tema non è la persona, Mario Polese, o Luca Braia (assessore regionale in quota Pd nel precedente governo regionale).
La questione è politica.
Il congresso di Mario Polese fu segnato dal sostegno di liste collegate, ricordo sette, legate a singole personalità della politica regionale con l’obiettivo di essere o rimanere assessore o consigliere regionale, parlamentare… Sulla elezione di Mario Polese si è dato un assetto (un equilibrio) alle segreterie provinciali del Pd.
Perché il tema è politico? La scelta di Italia Viva di allearsi a Melfi con la destra è un ulteriore fallimento di quella stagione politica.
Mario Polese se ne va? Ma tutto rimane immutato rispetto a quel congresso.
Se il prossimo congresso del Pd si dovesse trascinare queste contraddizioni sarà l’anticamera di nuove divisioni che influiranno molto nel rapporto con la società lucana.
Ci sono fratture che vanno sanate nel Pd e nella società lucana altrimenti vedo difficile la costruzione di un’alternativa ad una inadeguata destra al governo della Regione.
E nessun rinnovamento di facciata potrà silenziare questa crisi anche perché non vedo una generazione che l’affronta coraggiosamente per indicare una via d’uscita.
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

15 − uno =

You May Also Like